Myanmar

Myanmar

Agosto e Ottobre 2019

Fascino del Myanmar – 17 Agosto

11 Giorni / 10 Notti

Fascino del Myanmar – 17 Agosto

Viaggio alla scoperta dei tesori del Myanmar, dove le suggestioni e le tradizioni culturali, religiose ed artistiche dell’estremo oriente e del sub-continente indiano, si fondono raggiungendo un perfetto equilibrio di armonia e bellezza. I mirabili esempi di architettura religiosa, maestosi come in nessun altro luogo, le atmosfere e le scene di una vita quotidiana dai ritmi arcaici, la profonda spiritualità ed ospitalità del popolo birmano rendono un viaggio in Myanmar una esperienza unica ed indimenticabile. L’itinerario parte da Yangon, con le sue imponenti pagode e gli edifici risalenti al periodo coloniale, prima di volare sull’altopiano dello Shan per visitare Pinday,a con le sue celebri grotte ed il magico scenario di villaggi e “giardini” galleggianti del Lago Inle. Si continua alla volta dell’antica capitale Mandalay dove si visitano le vecchie cittadine reali, prima di proseguire per Monywa, situata sulle rive del fiume Chindwin dove si visita il complesso rupestre di Po Win Daung.  Il viaggio termina  con il grandioso sito archeologico di Bagan che  si raggiunge via fiume prima di rientrare a Yangon.

Partenza speciale di gruppo da Roma e Milano 

Minimo 6 partecipanti con accompagnatore dall’Italia al raggiungimento dei 20 partecipanti 

1° GIORNO

17 AGOSTO ROMA/MILANO – DOHA – YANGON (-/-/-)

Partenza al mattino da Roma e Milano con voli di linea Qatar Airways per Doha. Proseguimento con volo di linea Qatar per Yangon. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO

18 AGOSTO ARRIVO YANGON (-/L/D)

Arrivo al mattino presto a Yangon, disbrigo delle formalità burocratiche, incontro con la guida locale e trasferimento in città. Lungo il tragitto sosta panoramica al lago di Kandawgyi e visita della pagoda Chaukhtatkyi con l’enorme statua del Buddha reclinato. Al termine delle visite, dopo il pranzo in ristorante locale trasferimento in hotel per il check-in. Dopo un po’ di relax in hotel, nel tardo pomeriggio partenza per una suggestiva visita al tramonto della Pagoda Shwedagon (Pagoda d’Oro), monumento simbolo della città, alta più di 100 metri e sormontata da uno “hti” decorato con centinaia di diamanti e pietre preziose. Al termine rientro in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

3° GIORNO

19 AGOSTO YANGON – HEHO – PINDAYA – LAGO INLE (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino trasferimento in aeroporto e volo per Heho. Proseguimento in pullman attraverso bei paesaggi collinari fino a Pindaya (circa 1 ora e mezza) . Visita delle grotte dove le statue del Buddha, a migliaia, di differenti fatture e dimensioni, collocate nel corso dei secoli dai fedeli, formano un labirinto all’interno di grandi caverne carsiche. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio proseguimento per il Lago Inle, situato a circa 900 m.s.l.m. e trasferimento in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

4° GIORNO

20 AGOSTO LAGO INLE (B/L/D)

Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita in barca ai villaggi sul lago: Indein, con le sue incantevoli pagode del XVI secolo, vera e propria “foresta” di stupa in rovina, il villaggio di Laeshae, per osservare come vengono realizzate le immagini del Buddha con fiori essiccati, Innpawkhone, per visitare un laboratorio per la tessitura della seta e dei loti, Nanpan per vedere come vengono costruite le barche tradizionali impiegate dagli abitanti del lago e visitare una manifattura di cheroot, i sigari birmani. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione. Nel pomeriggio visita della pagoda Phaungdaw, il sito religioso più sacro della zona meridionale dello Stato Shan, dove sono presenti cinque statue del Buddha coperte di foglie d’oro, il monastero di Nga Hpe Chaung, costruito in legno su palafitte e anche conosciuto come il monastero “dei gatti che saltano”, con le rappresentazioni shan del Buddha custodite al suo interno. Lungo il tragitto si potranno osservare le caratteristiche imbarcazioni con i “pescatori che remano con la gamba” ed i “giardini galleggianti”. Al termine delle visite rientro in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

5° GIORNO

21 AGOSTO LAGO INLE – HEHO – MANDALAY (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino visita di uno dei mercati che hanno luogo 5 volte la settimana nei villaggi sulle sponde del lago (la località dove si tengono varia a seconda del giorno). Al termine rientro in barca a Nyaung Shwe e proseguimento in pullman per aeroporto di Heho con sosta lungo il tragitto per visitare il Monastero Shwe Yan Pyay. Pranzo in ristorante locale in corso di visite. Nel pomeriggio partenza con volo di linea per Mandalay, la seconda città più grande del Myanmar e una delle antiche capitali reali: spesso percepita e descritta nella letteratura come l’Asia nella sua parte più tradizionale e autentica, un luogo senza tempo e seducente, oggi è una moderna e vivace città in continua espansione sulle rive del fiume Irrawaddy dalle fiorenti attività commerciali che si fondono con il cuore culturale della Birmania, dove le tradizioni legate a religione, musica, danza e teatro sono ancora vivissime. Trasferimento e sistemazione in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

6° GIORNO

22 AGOSTO MANDALAY (MINGUN E SAGAING)

Prima colazione. Prima parte della mattinata dedicata alla visita della città con la pagoda Kuthodaw, conosciuta anche come il più grande libro a cielo aperto al mondo, 729 lastre dove sono trascritti tutti gli insegnamenti della religione buddista ed il monastero in legno Shwenandaw, unico edificio rimasto del complesso originale del palazzo reale, celebre per i suoi intagli e sculture in legno. Partenza per Mingun a bordo di una barca privata lungo il fiume Irrawaddy (1 ora circa). Si visita l’enorme pagoda gravemente danneggiata da un terremoto nel 1838 che si erge lungo le rive del fiume che avrebbe potuto essere il più grande tempio del mondo se il re Bodawpaya non fosse morto prima che i lavori fossero terminati. La costruzione di questo enorme edificio in mattoni si è fermata dopo che un indovino predisse la morte del re prima della sua fine. Colpito da un terremoto nel 1800, il monumento è stato parzialmente ridotto allo stato di rudere. Non lontano si trova la famosa campana di Mingun che pesa ben 90 tonnellate e sembra essere la piú grande campagna ancora funzionante al mondo. Si continua con la pagoda Hsinbyume Paya con il suo strano stupa che si dice sia una rappresentazione della pagoda Sulamani che, secondo l’astrologia buddista, si erge sul monte Meru (la montagna situata al centro dell’universo). Fu costruita nel 1816 dal nipote e successore di Bagyidaw Bodawpaya in memoria della sua prima sposa, la principessa Hsinbyume che morí alla sua nascita. Prima del rientro a Mandalay in barca, tempo libero per una passeggiata tra le botteghe di Mingun. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio partenza per Sagaing, la “città santa” della Birmania, con circa 600 pagode e quasi 100 centri di meditazione. Dopo un suggestivo tramonto dalla Sagaing Hill, rientro in hotel Mandalay. Cena in hotel e pernottamento.

7° GIORNO

23 AGOSTO MANDALAY – AMARAPURA – INWA – MONYWA (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino visita della pagoda Mahamuni, con il suo veneratissimo Buddha interamente ricoperto da foglie d’oro depositate dai devoti nel corso dei secoli. Partenza per Amarapura, una delle tre antiche capitali che si trovano nei pressi di Mandalay. Si visita il monastero Mahagandayon, uno dei maggiori del paese, rinomatissimo centro di studi monastici e religiosi dove vivono e studiano centinaia di giovani monaci. Si prosegue a piedi fino all’UBein Bridge, costruito nel 1782, quando Amarapura era al centro degli interessi del Regno. Si estende su 1,2 km sul lago Taungthaman ed è il più grande ponte in teak del mondo. Pranzo in ristorante locale. Proseguimento per Inwa: fondata nel 1364 e per quasi 400 anni capitale del regno, oggi è un caratteristico villaggio rurale con le case dai tetti di paglia che si visita a bordo di un calesse trainato da cavalli. Tra gli edifici testimoni del glorioso passato, la torre di guardia, conosciuta anche come torre pendente di Ava per la sua forte inclinazione, il monastero in mattoni e stucco Maha Aungmye Bonzan, e l’elegante monastero in tek Bagaya Kyaung. Al termine partenza per Monywa, il maggior centro della valle del fiume Chindwin. Sistemazione e cena in hotel. Pernottamento.

8° GIORNO

24 AGOSTO MONYWA – PAKKOKU (NAVIGAZIONE) – BAGAN (B/L/D)

Di primo mattino si attraversa il fiume Chindwin, e si prosegue in auto fino alle grotte di Po Win Daung (24 km circa) ove si osservano le statue scavate nella roccia. Si visita poi il tempio Shwe Ba Daung ed il villaggio di Kyaukka. Al termine partenza per Pakkoku con sosta lungo il tragitto per visitare Pakhangyi, cittadina con mura risalenti al XIX secolo e con il più vecchio monastero in legno del paese. Pranzo in semplice ristorante locale in corso d’escursione. Imbarco dal molo di Pakkoku e navigazione fino a Bagan (arrivo previsto nel tardo pomeriggio), uno dei luoghi più evocativi dell’Asia, tappa imperdibile di un viaggio in Myanmar. Sistemazione e cena in hotel. Pernottamento.

9° GIORNO

25 AGOSTO BAGAN (B/L/D)

Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita di Bagan, capitale del regno birmano dal X al XIII secolo, con Angkor sicuramente il sito archeologico più affascinante ed importante di tutto l’Oriente. Centinaia degli oltre 8000 tra templi, pagode e monasteri esistenti un tempo sono ancora oggi sparsi nell’arida pianura. Visita al mercato di Nyaung Oo, dove gli abitanti si ritrovano per vendere e comprare prodotti freschi e per l’uso quotidiano e proseguimento per la zona archeologica di Bagan, con i suoi magnifici templi e stupa risalenti al periodo compreso tra il X e il XIV secolo. Visite dei monumenti più spettacolari come la pagoda Shwezigon, prototipo degli ultimi stupa del Myanmar, costruita dal re Anawrahta nei primi anni dell’XI secolo; Wetkyi-in- Gubyaukgyi, ‘tempio nella grotta’ risalente al XIII secolo, con i suoi eleganti affreschi; la Pagoda di Ananda, uno dei tempi più belli, più grandi e meglio conservati nell’antica era di Bagan. Successiva visita a Ananda Ok Kyaung, uno dei pochi monasteri in mattoni sopravvissuti dall’antica era di Bagan fino a oggi ed ad una manifattura di oggetti in lacca. Al calar del sole trasferimento al molo e partenza per un’escursione in barca al tramonto sul fiume Irrawaddy, per ammirare i templi e le pagode da una diversa e suggestiva prospettiva. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione e cena in hotel. Pernottamento.

10° GIORNO

26 AGOSTO BAGAN – YANGON (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino proseguimento delle visite di Bagan: l’elegante tempio Nagayon, il tempio di Manuha, costruito nel 1059, il Nanpaya, risalente alla fine dell’XI secolo ed il tempio in stile indiano Gubaukgyi, situato nei pressi del villaggio di Myinkaba, caratterizzato da interessanti e ben conservati dipinti al suo interno. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione. Al pomeriggio trasferimento all’aeroporto di Bagan in tempo utile per volo di linea per Yangon. Arrivo e trasferimento in hotel situato nei pressi dell’aeroporto. Cena in hotel. Pernottamento.

11° GIORNO

27 AGOSTO YANGON – DOHA – ROMA/MILANO (-/-/-)

Box breakfast e trasferimento di primissimo mattino in aeroporto. Partenza con voli di linea Qatar Airways via Doha per Roma e Milano. Fine dei servizi.

PARTENZADOPPIASUPP. SINGOLA
Dal 17 agosto 2019 al 27 agosto 2019€ 2.270€ 330

Myanmar – Speciale Festival 11 Ottobre

13 Giorni / 11 Notti

Myanmar: Speciale Festival 11 Ottobre

Partenza speciale di gruppo esclusivo Go Asia in occasione del Thadingyut Festival al Golden Rock e del Phaung Daw Oo Festival sul Lago Inle

Itinerario di 13 giorni per assistere alle celebrazioni del Phaung Daw Oo Festival nell’incantevole scenario del Lago Inle partecipando alla giornata culmine dei festeggiamenti con le  processioni e le regate delle imbarcazioni degli Intha. Si potrà inoltre assistere alle celebrazioni del Thadingyut, o festa delle luci, particolarmente suggestiva nella cornice della pagoda Shwedagon a Yangon e del Golden Rock, una delle icone più conosciute del paese. Il viaggio tocca inoltre tutte le località più belle del Myanmar: si visitano Yangon, con sue pagode sontuosamente rivestite d’oro, l’antica capitale Mandalay e le cittadine reali minori che si trovano nei dintorni e Bagan, grandioso complesso con centinaia di pagode, stupa e monasteri che non ha eguali in tutto l’oriente.

Partenza speciale di gruppo – Minimo 10 partecipanti con accompagnatore dall’Italia al raggiungimento dei 20 partecipanti: 11 ottobre 2019.

1° GIORNO

11 OTTOBRE MILANO – SINGAPORE (-/-/-)

Partenza da Milano Malpensa con volo di linea Singapore Airlines per Singapore . Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO

12 OTTOBRE SINGAPORE – YANGON (THADINGYUT FESTIVAL) (-/L/D)

Arrivo al mattino presto e coincidenza con volo di linea Singapore Airlines per Yangon. Arrivo al mattino, disbrigo delle formalità burocratiche, incontro con la guida locale parlante italiano e trasferimento in hotel. Dopo il pranzo in ristorante locale inizio delle visite della città: sosta fotografica al Lago Kandawgy e visita della pagoda Chaukhtatkyi, con l’enorme statua del Buddha reclinato. Al tramonto suggestiva visita notturna della Pagoda Shwedagon (Pagoda d’Oro), monumento simbolo della città, alta più di 100 metri e sormontata da uno “hti” decorato con centinaia di diamanti e pietre preziose, che per l’occasione sarà decorata da centinaia di luci votive poste dai fedeli per la festività del Thadingyut. Al termine rientro in hotel. Cena in hotel. Pernottamento.

3° GIORNO

13 OTTOBRE YANGON – GOLDEN ROCK (THADINGYUT FESTIVAL) (B/L/D)

Prima colazione. Partenza in pullman per Kyaikhtiyo, nello stato Mon, località dove si trova la Golden Rock, un’enorme roccia sferica coperta di lamine d’oro in bilico sul bordo di un precipizio di una montagna (si crede con l’aiuto di un capello del Buddha), importante luogo di pellegrinaggio del paese e sicuramente una delle immagini più conosciute del paese. Si percorrono 4 ore in auto fino a Kin Pun da dove si prosegue per circa 11 km su una strada dissestata a bordo di camion dotati di panche di legno (circa 45 minuti) fino alla sommità del monte. Pranzo in corso d’escursione in ristorante locale. Il lungo viaggio, a tratti disagevole, viene ripagato dalla stupenda vista che si gode una volta giunti sulla sommità, immersi in un atmosfera carica di misticismo e devozione, particolarmente suggestiva al calar del sole. La giornata coincide con celebrazioni del Thadingyut, festa che celebra il ritorno del Buddha dalla casa dei “Deva” (gli dei hindu inglobati nella cosmologia buddista, sia pure a livelli inferiori), dove ha predicato la sua filosofia. Per illuminare la via e dare il benvenuto al Buddha, le case e le vie vengono illuminate; la festa dura tre giorni ed è anche festeggiata con canti, danze e scambi di auguri. In questa occasione le persone si affollano nelle pagode per fare le offerte. Sistemazione in hotel e cena.

Nota: l’ultima parte del viaggio viene effettuata a bordo di camion dotati di panche di legno e su strade sconnesse. È richiesto quindi un buon spirito di adattamento.

4° GIORNO

14 OTTOBRE GOLDEN ROCK – BAGO – YANGON (B/L/D)

Dopo la prima colazione e la vista panoramica della Roccia D’oro al mattino presto si rientra a Kin Pun, da dove si prosegue in pullman per Bago (circa 3 ore), una delle antiche capitali del regno. Lungo il tragitto sosta ad un mercato locale e visita della pagoda Shwemawdaw, alta ben 114 metri (più della pagoda Shwedagon di Yangon) e del colossale Buddha disteso Shwetalyaung, considerato come uno dei più realistici. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio rientro a Yangon, lungo il tragitto visita della pagoda Kyaik Pun Paya, complesso dove sono situate 4 statue di Buddha alte 30 metri. Arrivo nel tardo pomeriggio a Yangon. Sistemazione e cena in hotel. Pernottamento.

5° GIORNO

15 OTTOBRE YANGON – HEHO – LAGO INLE (PHAUNG DAW OO FESTIVAL) (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino trasferimento in aeroporto e volo per Heho. Proseguimento in pullman per Nyaung Shwe sulle rive del Lago Inle (27 km – 1 ora circa), situato a circa 900 m.s.l.m. sosta lungo il tragitto per visitare il Monastero Shwe Yan Pyay. Durante la giornata sarà possibile ammirare la processione delle cinque statue del Buddha coperte di foglia d’oro che solitamente sono custodite nella pagoda Phaungdaw, ma che nel periodo del festival vengono trasportate da un villaggio all’altro su una grande “barca reale” scortata da centinaia di piroghe guidate dai celebri pescatori Intha, conosciuti per la tipica remata con la gamba. Pranzo in ristorante locale in corso di visite. Se il tempo a disposizione lo permette si visitano inoltre il villaggio su palaffitte di Innpawkhone, con un laboratorio di tessitura della seta e dei loti ed il monastero di Nga Hpe Chaung, costruito in legno su palafitte e anche conosciuto come il monastero “dei gatti che saltano”, con le rappresentazioni shan del Buddha custodite al suo interno. Lungo il tragitto si potranno osservare le caratteristiche imbarcazioni con i “pescatori che remano con la gamba” ed i “giardini galleggianti”. Al termine sistemazione in hotel. Cena in hotel. Pernottamento.

6° GIORNO

16 OTTOBRE LAGO INLE (PHAUNG DAW OO FESTIVAL) (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino partenza in barca per la pagoda Phaungdaw, il sito religioso più sacro della zona meridionale dello Stato Shan, per assistere ad uno dei momenti culmine del Phaung Daw Oo Festival, una delle feste tradizionali più importanti del paese, la più sentita tra la popolazione dello Shan. La giornata sarà caratterizzata dalle regate delle longboat spinte dalla tipica remata con una. Pranzo in ristorante locale in corso di visite. Proseguimento delle visite del lago con il villaggio Indein e le sue incantevoli pagode del XVI secolo, vera e propria “foresta” di stupa in rovina. Rientro nel tardo pomeriggio in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

7° GIORNO

17 OTTOBRE LAGO INLE – PINDAYA – HEHO – MANDALAY(B/L/D)

Prima colazione. Al mattino visita di uno dei mercati che hanno luogo 5 volte la settimana nei villaggi sulle sponde del lago (la località dove si tengono varia a seconda del giorno). Al termine rientro a Nyaung Shwe e proseguimento in pullman attraverso bei paesaggi collinari fino a Pindaya (circa 1 ora e mezza) . Visita delle grotte dove le statue del Buddha, a migliaia, di differenti fatture e dimensioni, collocate nel corso dei secoli dai fedeli, formano un labirinto all’interno di grandi caverne carsiche. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio rientro all’aeroporto di Heho e partenza con volo di linea per Mandalay, la seconda città più grande del Myanmar e una delle antiche capitali reali: spesso percepita e descritta nella letteratura come l’Asia nella sua parte più tradizionale e autentica, un luogo senza tempo e seducente, oggi è una moderna e vivace città in continua espansione sulle rive del fiume Irrawaddy dalle fiorenti attività commerciali che si fondono con il cuore culturale della Birmania, dove le tradizioni legate a religione, musica, danza e teatro sono ancora vivissime. Trasferimento e sistemazione in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

8° GIORNO

18 OTTOBRE MANDALAY (MINGUN E AMARAPURA) (B/L/D)

Prima colazione. Partenza per Mingun a bordo di una barca privata lungo il fiume Irrawaddy (1 ora circa). Si visita l’enorme pagoda gravemente danneggiata da un terremoto nel 1838 che si erge lungo le rive del fiume che avrebbe potuto essere il più grande tempio del mondo se il re Bodawpaya non fosse morto prima che i lavori fossero terminati. La costruzione di questo enorme edificio in mattoni si è fermata dopo che un indovino predisse la morte del re prima della sua fine. Colpito da un terremoto nel 1800, il monumento è stato parzialmente ridotto allo stato di rudere. Non lontano si trova la famosa campana di Mingun che pesa ben 90 tonnellate e sembra essere la piú grande campagna ancora funzionante al mondo. Si continua con la pagoda Hsinbyume Paya con il suo strano stupa che si dice sia una rappresentazione della pagoda Sulamani che, secondo l’astrologia buddista, si erge sul monte Meru (la montagna situata al centro dell’universo). Fu costruita nel 1816 dal nipote e successore di Bagyidaw Bodawpaya in memoria della sua prima sposa, la principessa Hsinbyume che morí alla sua nascita. Prima del rientro a Mandalay in barca, tempo libero per una passeggiata tra le botteghe di Mingun. Pranzo in ristorante locale e partenza per Amarapura, una delle tre antiche capitali che si trovano nei pressi di Mandalay. Si visita il monastero Mahagandayon, uno dei maggiori del paese, rinomatissimo centro di studi monastici e religiosi dove vivono e studiano centinaia di giovani monaci. Si prosegue a piedi fino all’UBein Bridge, costruito nel 1782, quando Amarapura era al centro degli interessi del Regno. Si estende su 1,2 km sul lago Taungthaman ed è il più grande ponte in teak del mondo. Tempo a disposizione per godere dell’ atmosfera creata dalle luci del tramonto, quando i raggi di sole colorano l’acqua e tutto il paesaggio circostante. Al tramonto dopo una passeggiata sul ponte U Bein partenza su una piccola barca privata di legno per ammirare il calar del sole sul lago Taungthaman e sul ponte, rilassandosi con un cocktail rinfrescante accompagnato da snack locali e ammirando il riflesso del sole sulle calme acque del fiume. Rientro a Mandalay. Cena in hotel e pernottamento.

9° GIORNO

19 OTTOBRE MANDALAY – BAGAN (B/L/D)

Prima colazione. Mattina dedicata alla visita della città: si sale sulla Mandalay Hill per ammirare dall’alto il panorama sulla città e si prosegue alla volta della pagoda Kuthodaw, conosciuta anche come il più grande libro a cielo aperto al mondo, 729 lastre dove sono trascritti tutti gli insegnamenti della religione buddista; si visita il monastero in legno Shwenandaw, unico edificio rimasto del complesso originale del palazzo reale, celebre per i suoi intagli e sculture in legno e si prosegue con la pagoda Mahamuni, con il suo veneratissimo Buddha interamente ricoperto da foglie d’oro depositate dai devoti nel corso dei secoli. Pranzo in ristorante locale. In tempo utile trasferimento in aeroporto e volo di linea per Bagan, uno dei luoghi più evocativi dell’Asia, tappa imperdibile di un viaggio in Myanmar. Nel tardo pomeriggio (ore 16.30 circa) trasferimento al molo e partenza per un’escursione in barca al tramonto sul fiume Irrawaddy per ammirare da una diversa prospettiva Bagan sorseggiando un cocktail rinfrescante accompagnato da snack locali. Al termine sistemazione in hotel. Cena in hotel. Pernottamento.

10° GIORNO

20 OTTOBRE BAGAN (B/L/D)

Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita di Bagan, capitale del regno birmano dal X al XIII secolo, con Angkor sicuramente il sito archeologico più affascinante ed importante di tutto l’Oriente. Centinaia degli oltre 8000 tra templi, pagode e monasteri esistenti un tempo sono ancora oggi sparsi nell’arida pianura. Visita al mercato di Nyaung Oo, dove gli abitanti si ritrovano per vendere e comprare prodotti freschi e per l’uso quotidiano e proseguimento per la zona archeologica di Bagan, con i suoi magnifici templi e stupa risalenti al periodo compreso tra il X e il XIV secolo. Visite dei monumenti più spettacolari come la pagoda Shwezigon, prototipo degli ultimi stupa del Myanmar, costruita dal re Anawrahta nei primi anni dell’XI secolo; Wetkyi-in- Gubyaukgyi, ‘tempio nella grotta’ risalente al XIII secolo, con i suoi eleganti affreschi; la Pagoda di Ananda, uno dei tempi più belli, più grandi e meglio conservati nell’antica era di Bagan. Successiva visita a Ananda Ok Kyaung, uno dei pochi monasteri in mattoni sopravvissuti dall’antica era di Bagan fino a oggi ed ad una manifattura di oggetti in lacca. Al calar del sole si potrà assistere al tramonto dalla sommità di uno dei templi. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione e cena in hotel. Pernottamento.

PROPOSTA OPZIONALE: volo in mongolfiera all’alba tra i templi
Di primissimo mattino (tra le 5 e le 6, l’orario preciso verrà comunicato la sera prima della partenza in base all’ubicazione degli hotel dei partecipanti) partenza dall’hotel con pullman/van collettivo della Ballons Over Bagan per partecipare al volo in mongolfiera all’alba tra i templi, per assistere da un punto di vista unico al sorgere del sole tra le antiche rovine di Bagan. All’atterraggio verrà servito dello champagne. Rientro in hotel per la prima colazione.
Servizio Classico: mongolfiera di capacità 28 passeggeri. Possibilità di servizio premium che si effettua usando una delle 2 nuove mongolfiere da 12 posti che vengono utilizzate per sole 8 persone, 4 coppie, ognuna con il proprio scompartimento. Il servizio premium include anche un tour interattivo guidato con il pilota durante le fasi pre-partenza. Il servizio deluxe è fatto con mongolfiere 8 posti.

11° GIORNO

21 OTTOBRE BAGAN – YANGON (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino proseguimento delle visite di Bagan: l’elegante tempio Nagayon, il tempio di Manuha, costruito nel 1059, il Nanpaya, risalente alla fine dell’XI secolo ed il tempio in stile indiano Gubaukgyi, situato nei pressi del villaggio di Myinkaba, caratterizzato da interessanti e ben conservati dipinti al suo interno. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione. Al pomeriggio trasferimento all’aeroporto di Bagan in tempo utile per volo di linea per Yangon. Arrivo e trasferimento in hotel. In serata cena al ristorante Karaweik con spettacolo e musiche tradizionali. Al termine rientro in hotel. Pernottamento.

12° GIORNO

22 OTTOBRE YANGON – SINGAPORE (B/L/-)

Prima colazione. Al mattino proseguimento delle visite di Yangon con il centro della città: si inizia con una passeggiata in Mahanbandola Street dove si trova la Chiesa Imanuel Battista costruita nel 1830 e si continua piccole stradine affollate di negozi e bancarelle. Si vedrà l’imponente edificio sede della Corte Suprema, della Compagnia dei trasporti fluviali e dell’autorità portuale del Myanmar,i colorati appartamenti ‘Pansodan Street’ nel quartiere coloniale per poi arrivare sulla celebre Strand Road. Qui potrete ammirare il celebre Strand Hotel, albergo storico icona della città, la Dogana ed il Palazzo di Giustizia. Tempo a disposizione presso il mercato di Bogyoke, conosciuto anche come lo Scott Market (chiuso il lunedì ed i giorni festivi) dove si trovano oggetti di artigianato provenienti da tutto il paese.Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto in tempo utile per volo di linea Singapore Airlines per Singapore.

13° GIORNO

23 OTTOBRE SINGAPORE – MILANO (-/-/-)

Dopo la mezzanotte proseguimento con volo con volo di linea Singapore Airlines per Milano. Arrivo al mattino presto.

PARTENZADOPPIASUPP. SINGOLA
11 ottobre 2019€ 2.260€ 440

Vuoi ulteriori informazioni o prenotare? Compila i campi qui sotto!

0 + 4 = ?